Schizzi di penna per riflettere

Prendete uno spirito toscano, una buona mano per la grafica e la giusta verve polemica, quanto basta per far riflettere. Avete gli ingredienti perfetti per poter affrontare la lettura di “Scusate le spalle”, libro di Fabrizio Ceccantini che come dice l’autore “non è un libro”, bensì una raccolta di vignette una raccolta di vignette a sfondo social-umoristico che spaziano su temi di stringente attualità; riflessioni che nascono da episodi percepiti nel mondo reale e che l’autore ha trasformato in “strisce satiriche” con obbiettivo spirito critico, mantenendo un equilibrio di fondo ma con il dichiarato intento di far riflettere il lettore.
“Scusate le spalle” è un titolo provocatorio “… perché oggi -afferma Ceccantini nell’introduzione del volume- nessuno ci mette più la faccia.” Lui invece lo ha fatto, ci ha messo la faccia e l’innata abilità nella manipolazione della penna. La fantasia fissata sui fogli di carta si è trasformata in un “non libro” dove si affrontano temi a volte leggeri, altre volte estremamente impegnati. Si inizia con “la dignità delle donne”, per spaziare poi attorno ai rapporti personali ed ai comportamenti individuali tornano poi a sorridere, con qualche spunto che sobilla riflessioni più profonde con il “Politically Correct”. Senza dimenticare le strisce sui “Maledetti toscani”, riflessione auto ironica sui toscani fatta da un toscano, per affrontare infine “molto distorte” visioni del mondo.
Se poi volessimo cogliere il messaggio di fondo di queste vignette potremmo rifarci alla parole dell’autore: “mi premono i diritti di coloro che soffrono, che sono svantaggiati, che sono “diversi”, ma al contempo uguali; non  posso dire “fra le righe” – perché questa raccolta è fatta esclusivamente di  immagini – ma all’interno si comprende bene quali sono le categorie dell’esistenza alle quali mi sento di esprimere vicinanza.”
Un libro, stampato da tipografia “La Zecca” di Levane (AR) per Settore8Editoria di Terranuova B.ni (AR), il cui ricavato sarà interamente devoluto a due associazioni senza scopo di lucro: “Eva con Eva”, attiva nella tutela della dignità della donna e  “Radici” impegnata nel sostentamento alle famiglie bisognose.

Il volume è stato presentato sabato 9 giugno presso l’Atelier Canard n. 10 su iniziativa dell’Associazione per la Valdambra.

About This Author

Post A Reply