Posts in Category: appuntamenti

La torre di Galatrona e la Pieve di Petrolo

Pieve di San Giovanni a Petrolo: fonte battesimale dei Della Robbia

Pieve di San Giovanni a Petrolo: fonte battesimale dei Della Robbia

Martedì 19 agosto alle 18  l’associazione Culturale Pandora organizza una visita guidata, in italiano e inglese, alla imponente Torre di Galatrona ed alla pieve di Petrolo: una visita per scoprire la storia di un antico borgo di origini antichissime, di cui oggi possiamo vedere la grande torre medievale. Per andare poi a curiosare nella pieve per poter apprezzare le affascinanti terrecotte invetriate dei Della Robbia. Il brindisi di benvenuto sarà curato dalla Condotta Slow Food del Valdarno. Via quindi attraverso il sentiero che conduce fino alla torre: si potrà percepire la presentza dell’antica cinta muraria, la strada di accesso al


Valdarnesi al Pisa Book Festival

Pisa Book Festival, lo stand di Settore 8 Editoria

E’ iniziato il Pisa Book Festival, kermesse dei piccoli editori indipendenti che vede la presenza . Quest’anno il Valdarno è ben rappresentato sia sotto il profilo degli autori che degli editori. Domani pomeriggio infatti sarà di scena Vanni Santoni, scrittore montevarchino di talento che terrà un incontro sul tema “Personaggi precari in territorio nemico”, ovvero fritto misto alla Vanni Santoni con Gregorio Magini e Luca Ricci (Minimum fax e Voland).

Santoni ha recentemente pubblicato  il primo volume di una trilogia fantasy dal titolo “Terra ignota”.

L’editoria valdarnese, ma potremmo tranquillamente dire aretina, è rappresentata da Settore 8 editoria, casa editrice che da qualche anno lavora in modo particolare sulla


Applausi fiorentini

[slideshow id=5]

Esibirsi in Piazza Signoria a Firenze, uno dei luoghi più famosi al mondo, non è cosa facile. Il pubblico è variegato, saremmo portati a dire cosmopolita. Non si più mai sapere come poter conciliare i gusti musicali di persone con tradizioni e culture diverse.

La banda “Giacomo Puccini” di Montevarchi c’è riuscita. Per la prima volta, nel corso della sua lunga storia, il corpo musicale montevarchino si è esibito nel luogo simbolo della città di Firenze, ottenendo un successo fuori dell’ordinario.

Un successo che premia la tenacia e la dedizione di musicanti, majorettes e ballerine del Centro studi danza Caroline che, nell’occasione, si sono esibite in alcune applaudite performance sotto la direzione del coreografo e ballerino Andrea Maddii.

Non un semplice concerto per banda, ma un vero e proprio spettacolo svoltosi sotto


Sulla strada con il Capitano Ultimo

[nggallery id=4]

“Combattiamo insieme ai minori delle case famiglia ed alle persone abbandonate per costruire una società migliore, fatta di amicizia e di legalità.

Facciamo il pane cotto a legna con il lievito madre, lavoriamo il pellame con le mani e lo trasformiamo in borse, prendiamo il legno e facciamo i mobili… Storie
dell’artigianato e dell’arte italiana che ci fanno sopravvivere  con dignità e senza paura.

La nostra è un’azione sociale che portiamo sulla strada stretti alla croce dei poveri, lontano dai salotti dei professori, perché la strada è la nostra casa fatta di
sogni dove non vogliamo droga, indifferenza o violenza.”

Questa parole dell’associazione volontari “Capitano Ultimo” bastano da sole a dare un senso alla bella serata recentemente organizzata da questa associazione e dalla
Delfo Sub di Montevarchi.

Se poi aggiungiamo il concerto dei


Quell’ottima dozzina

[nggallery id=3]

Quella terra che “al tramonto prende il colore del cielo”. Federico Fazzuoli inizia la sua prefazione al libro “Quell’ottima dozzina” citando Leonardo da Vinci. Una frase poetica ma che ben si presta a descrivere le peculiarità di un territo, la sua bellezza, la sua storia e le sue tradizioni.
In questo terrtorio troviamo uno dei prodotti più conosciuti del Valdarno: il fagiolo zolfino.
Il libro, edito da Settore8 editoria, nasce dalla volontà della famiglia Giovannozzi di non disperdere la memoria di Luigi, per tutti “Gigi”, che ha dedicato la sua vita alla salvaguardia ed alla promozione della sua terra. E’ grazie a lui se il fagiolo zolfino è divenuto il primo presidio mondiale di Slow Food.
In un pianeta sempre più affollato ed inquinato sono numerose le specie viventi,


Schizzi di penna per riflettere

Prendete uno spirito toscano, una buona mano per la grafica e la giusta verve polemica, quanto basta per far riflettere. Avete gli ingredienti perfetti per poter affrontare la lettura di “Scusate le spalle”, libro di Fabrizio Ceccantini che come dice l’autore “non è un libro”, bensì una raccolta di vignette una raccolta di vignette a sfondo social-umoristico che spaziano su temi di stringente attualità; riflessioni che nascono da episodi percepiti nel mondo reale e che l’autore ha trasformato in “strisce satiriche” con obbiettivo spirito critico, mantenendo un equilibrio di fondo ma con il dichiarato intento di far riflettere il lettore.
“Scusate le spalle” è un titolo provocatorio “… perché oggi -afferma Ceccantini nell’introduzione del volume- nessuno ci mette


Leonardo e le valli dell’Arno

Le prove sono numerose ma qualcuno, ciclicamente, continua a mettere in dubbio che Leonardo da Vinci si sia ispirato ai paesaggi della valle dell’Arno quando ha dipinto gli sfondi di alcune sue opere divenute oggi di fama internazionale.

Sarà quindi interessante ascoltare la conferenza di Sara Taglialagamba, storica dell’arte, collaboratrice del professor Carlo Pedretti e studiosa del Genio del Rinascimento. A detta degli animatori dell’Associazione per la Valdambra, sodalizio che ha organizzato l’evento in collaborazione con il comune di Bucine, la dottoressa Taglialagamba porterà “una suggestiva prova della presenza del Genio nel nostro territorio”.

D’altro canto la relatrice della conferenza, che si svolgerà domenica 29 gennaio presso il teatro di Bucine a partire delle 17, vanta anni di studi attorno


Tra storia e leggenda: delitti rinascimentali nel Valdarno

 

Confronto tra il giornalista Fulvio Bernacchioni, ovvero il sottoscritto e lo scrittore Oscar Montani, pseudonimo del montevarchino Marco Santoni.
La singolar tenzone avrà luogo domenica 18 settembre, alle 16, sul palco appositamente allestito nella centralissima piazza del Popolo a Bucine in occasione della Piccola Fiera degli Scrittori Anonimi. Evento giunto al quinto appuntamento annuale, organizzato dal Comune di Bucine con la preziosa collaborazione dell’associazione Diversi Uguali.
I due autori cercheranno di far luce su di una questione ancora irrisolta: la fantasia di un giallista, per quanto contorta, può superare la più cruda realtà? Nel tentativo di trovare argomenti utili per far luce su questo enigma il giallista Marco Santoni prenderà in esame le ultime produzioni del sottoscritto con particolare riferimento ad “Antiche Cronache della Valle dell’Arno”, libro che mette a